Mercato del contadino, in Italia la rete più estesa del mondo

Una rete estesa in tutta Italia che consente di appurare il concetto di “filiera corta” e portare tanti benefici a consumatori, produttori e, di conseguenza, a tutto il territorio. Sono ormai una grande realtà economica, i mercati del contadino che si sono diffusi in pochi anni lungo tutta l’Italia proprio perché permettono questo incontro diretto tra chi produce e chi acquista. L’Italia ha la rete di mercati contadini di vendita diretta più estesa del mondo suparando in pochi anni Francia e Usa.
Al contadino vanno i vantaggi economici della vendita diretta senza intermediazione e passaggi che inevitabilmente gravano sul prezzo finale del prodotto. Al consumatore, invece, la possibilità di acquistare a prezzi più convenienti si associa a quella di poter conoscere l’artefice di quello che sta comprando: verdure, formaggi, ortaggi, miele, carne, frutta, pane, pasta, olio, vino, uova, conserve, ecc.
Quasi sei italiani su dieci, il 59%, hanno fatto la spesa dal contadino almeno una volta al mese nell’ultimo anno nei mercati del contadino per acquistare prodotti locali a chilometri zero direttamente dai produttori.
I motivi per cui ai consumatori piace comprare ai mercati del contadino non sono difficili da capire: alta qualità dei prodotti, che sono più freschi, saporiti e genuini è sicuramente la principale ragione di acquisto dal produttore.

Questa voce è stata pubblicata in Notizie e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento